Consegna gratuita nel Regno Unito
Parla con noi in Live Chat
Consegna in tutto il mondo ora disponibile
Eccellente Excellent Trustpilot
Alphagreen
>
Academy
>
Business
>
Le 8 migliori nicchie nell’industria del CBD: Le migliori idee di business sul CBD
By Anastasia Myronenko

Anastasiia Myronenko

Anastasiia Myronenko è specialista in Fisica Medica ed esercita attivamente in uno dei principali centri oncologici di Kiev, Ucraina. Ha conseguito un Master in Fisica Medica presso l’Università Nazionale di Karazin Kharkiv e ha completato uno stage in Fisica Biologica al GSI Helmholtz Centre for Heavy Ion Research, in Germania. Anastasiia Myronenko è specializzata in radioterapia ed è membro della Ukrainian Association of Physical Medicine.

Le 8 migliori nicchie nell’industria del CBD: Le migliori idee di business sul CBD

Alphagreen The Top 8 Niches in the CBD Industry: The Best CBD Business Ideas

Riassunto

In questo articolo, ti porteremo attraverso tutte le idee di business CBD, opportunità e lavori all’interno di questo settore in costante crescita. Dalle opzioni più ovvie, come iniziare il proprio marchio CBD, a nicchie più uniche, come lavorare nella moda CBD, nella sicurezza e nella creazione di contenuti, ci sono infinite opzioni là fuori che possono adattarsi alle tue capacità individuali.

Introduzione

L’industria del CBD è un’avventura in continua crescita, che si prevede varrà oltre 13 miliardi di dollari entro la fine del decennio, con un tasso di crescita annuale composto (CAGR) di circa il 20%. Come tale, sempre più persone provenienti da una vasta gamma di ambienti diversi stanno cercando la loro fetta della torta del CBD. Molti si pongono la domanda: devo iniziare il mio marchio di CBD per beneficiare dell’aumento di popolarità del composto? Quali sono altre idee di business con il CBD?

Olio di cbd al 10% di Alphagreen - solo £30

Viene fornito con una garanzia di rimborso di 30 giorni

In questo articolo, vi mostreremo come sfruttare le conoscenze esistenti che probabilmente avete già, e vi forniremo idee di business sul CBD che possono inserirsi in una varietà di settori e competenze preesistenti.

Che cos’è il CBD?

Il CBD, noto anche come cannabidiolo, è un composto derivato dalla cannabis (tipicamente estratto dalla canapa industriale) che ha rapidamente guadagnato terreno nell’industria del benessere per i suoi potenziali effetti sui sintomi di:

  • Ansia, depressione e problemi di umore generale
  • Dolore
  • Infiammazione
  • Insonnia
  • Salute generale

E prodotti come il CBD:

  • Olio e tinture
  • Caramelle gommose e dolcetti
  • Commestibili e bevande
  • Prodotti topici
  • Vap
  • Supposte
  • Prodotti per animali
  • … E altro ancora!

L’ampia influenza del CBD ha suscitato l’interesse di quasi tutti gli adulti con un polso. Di conseguenza, il mercato è stato in costante espansione negli ultimi anni, con una marea di nuovi prodotti e nuove tecnologie. L’ampio appeal del composto significa che i consumatori sono interessati a tutto, dall’olio di CBD ai vapori di CBD. In combinazione con l’ampia varietà di potenze sul mercato, è chiaro che c’è un’ampia opportunità di “incassare” praticamente ad ogni livello della scala di produzione.

Vale anche la pena di menzionare che, con l’aumento del mercato di riferimento per il CBD (insieme a una legislazione e a restrizioni sempre meno rigide), la quantità di opportunità di business del CBD in tutto il settore non potrà che aumentare. Alcuni marchi nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Canada stanno già guardando all’espansione oltreoceano e alle partnership internazionali!

AlphaGreen The Top 8 Niches in the CBD Industry: The Best CBD Business Ideas

I settori che si stanno già scaldando all’industria del CBD includono:

  • Fitness e sport
  • Mindfulness e yoga
  • Moda
  • Cibo e bevande
  • Cosmetici e bellezza
  • Trattamenti per animali e altri prodotti

Con l’espansione dell’industria del CBD, è probabile che vedremo più opportunità che mai per coloro che hanno un’esperienza preesistente nei settori di cui sopra, e molto di più. Come tale, aprire il proprio negozio di CBD non è più l’unica opzione per coloro che cercano di trarre profitto dall’amore del pubblico per il CBD.

L’elenco qui sotto dovrebbe darti un’idea più che sufficiente di dove e come puoi essere coinvolto nel CBD, sia che tu stia cercando un’impresa commerciale grande o piccola. C’è qualcosa per tutti in questo elenco di otto idee di business con il CBD, dal graphic design alla produzione.

Perché la gente ama il CBD?

La gente prende il CBD per diverse ragioni, e le più comunemente citate sono:

  • È generalmente considerato “sicuro” e non inebriante, il che significa che non ti farà “sballare”.
  • È legale in un numero considerevole di paesi nelle Americhe e in Europa.
  • Ha un gran numero di presunti benefici per una vasta gamma di problemi di salute comuni.
  • Il CBD è naturale, e molti prodotti sono coltivati biologicamente.
  • È disponibile in un’ampia gamma di potenze e varietà, tra cui full-spectrum (che contiene tutti i composti della pianta di canapa originale, oltre a tracce di THC); broad-spectrum (che contiene tutti i composti della pianta tranne il THC); e CBD isolato (che è CBD da solo, senza altri composti della pianta).
  • Numerosi aneddoti e studi scientifici indicano che il CBD ha un grande potenziale per essere incredibilmente efficace.

Idee e opportunità di business con il CBD

Con le informazioni di cui sopra sulle basi del CBD in mente, dove ti inserisci nell’industria del CBD? Le opzioni non mancano. In questo articolo, abbiamo ristretto il campo a otto grandi settori:

  1. Opportunità di vendita al dettaglio del CBD
  2. Vendere prodotti CBD “tradizionali” (oli, cura della pelle, commestibili, ecc.)
  3. Vendere CBD per animali domestici
  4. Vendere moda CBD e altri articoli di nicchia ‘non CBD
  5. Commercializzare il CBD
  6. Produrre CBD e oggetti correlati
  7. Distribuzione del CBD
  8. Creare contenuti legati al CBD

Unisciti alle migliaia di “cannapreneur” già coinvolti in questa industria veramente espansiva, oppure opera a tuo piacimento ai margini.

Opportunità di vendita al dettaglio CBD

Vendere prodotti CBD al dettaglio

Questa sezione dell’industria del CBD è così ampia e diversificata che abbiamo dedicato un’intera parte di questo articolo a come vendere diversi tipi di prodotti CBD. Tuttavia, per ora, questa spiegazione andrà bene: la vendita al dettaglio è essenzialmente ciò a cui probabilmente pensi quando senti una frase come ‘business del CBD’. È semplice: i rivenditori di CBD vendono prodotti a base di CBD, sia attraverso un sito web, sia attraverso un negozio di mattoni, o entrambi.

Quando persegui una carriera nella vendita al dettaglio di CBD, dovrai essere consapevole di come l’industria si sta sviluppando nel suo complesso, degli obiettivi del marchio per cui stai lavorando e di come educare i tuoi clienti per tenerli aggiornati con le ultime informazioni e studi sul CBD. Prima di entrare nel merito di come vendere diversi tipi di prodotti CBD, esaminiamo prima le opportunità di lavoro generali associate al CBD al dettaglio.

Fondare una cooperativa di CBD

Se vuoi essere coinvolto nella vendita al dettaglio del business del CBD ma non hai i fondi per stare per conto tuo, dovresti cercare di formare una cooperativa di CBD. Un’ impresacooperativa è essenzialmente un’impresa posseduta da più persone al fine di risparmiare sui costi standard di possedere un’impresa, come la tassazione. Quando gestisci una cooperativa CBD, sei meno incline a dipendere dagli investitori per tutto il tuo capitale, e puoi invece rivolgerti ai tuoi colleghi imprenditori per i fondi. La maggior parte delle cooperative di successo saranno possedute da 5-10 persone con un interesse comune nell’industria del CBD.

Allo stesso modo, una cooperativa di CBD può essere composta da diversi marchi o dispensari che possono accordarsi su obiettivi economici e di marketing comuni. Quando decidono di collaborare, questi marchi possono per un franchising e accettare di vendere i loro prodotti sotto lo stesso nome e identità di marca.

Per iniziare una cooperativa CBD, dovreste:

  • Assicurarti che la tua attività e i tuoi prodotti soddisfino tutte le linee guida per la vendita del CBD.
  • Registrare la vostra attività come cooperativa.
  • Discutere come i profitti saranno condivisi e da dove proverranno i fondi per tutte le parti del business, così come come saranno decise le cose relative al marchio e al business.

Formazione delle risorse umane CBD

Se hai una precedente esperienza nella formazione delle risorse umane, perché non applicare le tue competenze all’interno di un’azienda CBD? Anche se questa potrebbe non essere la tua idea quando qualcuno parla di “idee di business CBD”, non è meno valida. I costi di start-up per iniziare la propria agenzia HR sono minimi. Poiché la maggior parte delle imprese CBD sono nuove, hanno anche un disperato bisogno di qualcuno che sappia come stabilire le migliori assunzioni, licenziamenti e altre pratiche che coinvolgono le relazioni interpersonali.

Per diventare un rivenditore di CBD nel senso classico della parola, si dovrebbe:

  • Essere a conoscenza delle leggi relative alla pubblicità e alla vendita dei prodotti CBD, così come delle licenze che voi e i vostri dipendenti dovete ottenere.
  • Considerare i costi di branding e marketing. Una volta che sai chi è il tuo pubblico di riferimento, puoi vendere a loro nel modo più efficace e iniziare a rafforzare la consapevolezza del marchio.
  • Trova il miglior produttore di CBD (spesso sotto forma di grossista o produttore) che possa fornirti i migliori prodotti di CBD in white label che soddisfino le tue esigenze di business e il tuo mercato di riferimento senza sacrificare la qualità e la garanzia per il consumatore. I migliori produttori di CBD useranno metodi di estrazione collaudati e vi forniranno un certificato di analisi di laboratorio di terzi per ogni prodotto.
  • Comprate i prodotti CBD da un grossista o da un produttore e vendeteli in un negozio online o in un mattone. Questo comporterà il calcolo dei costi di ricarico e il prezzo dello stoccaggio dei tuoi prodotti (a meno che tu non sia coinvolto nel drop shipping del CBD, di cui parleremo tra poco).
  • Assicurati che tutti quelli con cui lavori abbiano una reputazione stellare nel settore, poiché la maggior parte della fedeltà al marchio si costruisce con una forte base di fiducia nel tuo marchio di CBD e nell’efficacia dei tuoi prodotti.

Servizi di sicurezza CBD

AlphaGreen The Top 8 Niches in the CBD Industry: The Best CBD Business Ideas

Dalla sicurezza di persona presso i distributori di CBDVendere integratori CBD (oli e tinture)
dalla sicurezza in persona presso i distributori di CBD (oli e tinture) alle operazioni di crescita fino ai servizi di cybersecurity ad alta tecnologia per i negozi online, le tue opportunità nell’industria del CBD sono relativamente infinite se hai le competenze necessarie. C’è una sorta di stereotipo all’interno del settore che il CBD sia troppo costoso – anche se questa è una generalizzazione, il CBD premium è ancora una risorsa preziosa che richiede protezione, soprattutto quando si tratta di dispensari che possono gestire una grande quantità di denaro su base giornaliera.

Stabilire una nicchia nella sicurezza del CBD è un’eccellente opportunità di business se hai un’esperienza preesistente nel settore della sicurezza privata e stai cercando di specializzarti.

Diventare un consulente CBD

Supponiamo che tu sia già una presenza dominante nell’industria del CBD, con conoscenza ed esperienza su tutto ciò che deriva dalla canapa industriale. In questo caso, la migliore opportunità di business con il CBD per te è probabilmente diventare un consulente CBD. Lavorerai direttamente con marchi e aziende per aiutarle a sviluppare i migliori prodotti e pratiche per ottenere un profitto.

Mentre molti marchi di CBD stanno nascendo ogni giorno, molti sono mal equipaggiati per capire cosa vende e perché, tanto meno come impostare i migliori processi e come sapere se stanno lavorando con i migliori produttori del settore. Molti sono alla ricerca di persone con una comprovata conoscenza di tutto ciò che riguarda il CBD, con l’esperienza del settore per sostenerla. I consulenti CBD sono pagati un bel po’ per il loro tempo e la loro esperienza su tutto, dalle migliori pratiche di coltivazione a come etichettare i prodotti nel modo che più piace al cliente.

Gestire un dispensario di CBD

Un dispensario di CBD è semplicemente il termine industriale per indicare un negozio di CBD. Supponiamo che siate interessati a diventare manager di un dispensario di CBD. In questo caso, dovresti avere una buona dose di esperienza di vendita al dettaglio e di leadership, e capire i complessi processi che accompagnano la gestione di un negozio. Potresti anche avere un background in contesti più scientifici, come la farmacologia, la biochimica o un’altra disciplina scientifica simile. Con un sacco di potenziale per guadagnare un reddito a sei cifre, se hai il talento e la pazienza di continuare nell’industria del CBD, diventare manager di un negozio di CBD può certamente servirti bene. A differenza di molte idee di business con il CBD, non comporta alcun costo di avviamento elevato: basta scoprire chi sta assumendo e inviare il tuo CV per essere preso in considerazione!

Allo stesso modo, potresti cercare altri lavori in un dispensario di CBD, come:

  • Cassiere (si occupa direttamente dell’acquisto e della vendita dei prodotti)
  • Receptionist (si occupa della vendita dei prodotti e risponde alle telefonate, risponde alle e-mail, ecc.)
  • Budtender (essenzialmente un assistente alle vendite che aiuta i clienti a scegliere il prodotto migliore per le loro esigenze)

Entrare nel CBD Drop Shipping

Considerata una delle idee di business sul CBDpiù economiche che puoi perseguire in tutta l’UE e negli USA, il drop shipping del CBD è anche ragionevolmente semplice da implementare, a patto che tu abbia un’attitudine al networking e un po’ di know-how tecnico.

Essenzialmente, come drop-shipper di CBD, negozierai un accordo con un produttore di CBD. Venderai i loro prodotti CBD sul tuo sito web, e il produttore spedirà i prodotti direttamente al cliente. Questa opportunità di business con il CBD elimina costi come il monitoraggio delle spedizioni e l’immagazzinamento, il che significa che tutto ciò che devi fare è impostare il tuo sito web, pagare per un marketing e un branding decenti, e impegnarti con una o più aziende di drop-shipping del CBD.

Iniziare un servizio di scatola di abbonamento al CBD

Con il settore in continua crescita dei servizi di abbonamento che non mostra alcun segno di rallentamento a breve, alcuni marchi potrebbero voler vendere scatole di abbonamento al CBD per prevedere meglio i loro profitti mensili. Essenzialmente, i consumatori pagheranno una certa somma di denaro ogni mese per ricevere una scatola regalo con diversi articoli di CBD, di solito non scelti dal cliente, dando un’aria di mistero alla pratica. La parte migliore di questa idea di business sono i pagamenti costanti che probabilmente riceverai se l’impresa avrà successo, così come la grande varietà di consumatori che potrebbero iscriversi al tuo servizio. Non solo questo, ma imparare a gestire un servizio di abbonamento ti insegna una buona dose di competenze generali di gestione aziendale, come ad esempio:

  • Come attrarre una vasta gamma di persone al tuo business
  • Come mantenere i clienti
  • Come fare rete con tutti i tipi di professionisti del settore
  • Competenze generali di servizio e soddisfazione del cliente

Questa opportunità di business con il CBD non è solo per il mercato dei consumatori medi; potresti anche voler considerare la fornitura di eventi e festival del settore con scatole regalo di CBD e altre piacevolezze del genere.

Se hai connessioni nell’industria (o ti piacerebbe crearne qualcuna), allora stringere accordi con singoli marchi per creare scatole di abbonamento al CBD potrebbe essere proprio l’opportunità di business che fa per te. Molti marchi saranno felici di avere il tuo aiuto per introdurre ogni mese una nuova base di clienti ai loro prodotti.

Prima di iniziare un tale servizio, dovreste esaminare:

  • La piattaforma a cui venderesti i tuoi cofanetti di CBD in abbonamento
  • Come raccoglierai gli investitori
  • Se hai l’esperienza e la conoscenza del business per mantenere e costruire la tua base di abbonati
  • Quali prodotti userete? La maggior parte delle scatole di abbonamento al CBD sono sotto le 40 sterline, quindi i prodotti CBD che usi dovrebbero costare complessivamente meno di questo, pur essendo un acquisto conveniente per i tuoi potenziali consumatori.

Vendere prodotti CBD classici

Decidere le basi

A seconda di dove vivi e di cosa stai vendendo, i prodotti CBD possono essere classificati come integratori, cibo, cura della pelle o farmaci. Questo particolare gruppo di idee di business sul CBD è abbastanza significativo da essere separato dalle semplici “opportunità di vendita al dettaglio del CBD” (in cui ci immergeremo più avanti).

Anche se non è necessario produrre i prodotti CBD che vendi, ci sono ancora alcune decisioni che dovresti prendere quando decidi di vendere prodotti CBD “classici”:

  • Che tipo di prodotto (o prodotti) CBD venderai?
  • Venderai online (come circa il 40% dell’industria del CBD) o in un negozio/dispensario fisico?
  • Quale sarà il tono del tuo marchio?
  • A quale tipo di consumatore parlerà il tuo marchio? Quali problemi hanno che i tuoi prodotti risolveranno?

Se questo percorso ti interessa, probabilmente hai già in mente un tipo di prodotto. Diamo un’occhiata alle minuzie delle tue opzioni:

AlphaGreen The Top 8 Niches in the CBD Industry: The Best CBD Business Ideas

Vendere integratori di CBD (oli e tinture)

Il CBD commercializzato come integratore può essere un’impresa rischiosa, poiché molti paesi sono indecisi se il CBD possa essere considerato o meno una “droga” con “proprietà medicinali”. Mentre esistono studi che affermano alcune potenziali proprietà terapeutiche (come l’antidolorifico e l’ansiolitico), fattori come la giusta dose e fattori di rischio, in particolare per quanto riguarda come il composto può interagire con alcuni farmaci tradizionali.

Si dovrebbe considerare:

  • Da dove vi procurerete i prodotti
  • I costi di formazione
  • Il prezzo di dove venderai il tuo CBD
  • Dove immagazzinerai i tuoi prodotti
  • I regolamenti di marketing e vendita che circondano il CBD nel luogo in cui vivi
  • Certificazioni per la tua attività (anche se tutto avviene online)
  • Il prezzo del marketing

Le forme comuni che il CBD può assumere sono le seguenti:

  • CBD sublinguale (olio e tinture da mettere sotto la lingua)
  • Capsule di CBD
  • Vitamine di CBD
  • Prodotti topici al CBD

Vale anche la pena notare che le forze più significative dell’e-commerce in molti altri settori – luoghi come Amazon e Facebook – vietano la commercializzazione e la vendita di prodotti di CBD, quindi il vostro marketplace dovrà probabilmente operare indipendentemente dai “grandi nomi” al di fuori del settore.

Tuttavia, poiché la maggior parte delle persone sono interessate al CBD allo scopo di integrare i sintomi di una condizione di salute, gli integratori di CBD possono essere un prodotto semplice da commercializzare, a condizione che i vostri prodotti si rivolgano a uno dei tre motivi principali per cui le persone assumono CBD:

  • Ansia e stress
  • Dolore (tipicamente come risultato di un’infiammazione)
  • Problemi di sonno

Alcune marche creano anche prodotti un po’ fuori dalla norma, tutto nell’interesse di colpire uno o più di questi problemi, come un cuscino spray al CBD per chi soffre di mancanza di sonno.

Vendere prodotti per la cura della pelle, la bellezza e i prodotti topici al CBD

Un favorito per molti, ‘CBD topicals’ è una categoria di prodotti che incapsula la cura della pelle con CBD, saponi, prodotti da bagno, cosmetici e prodotti di bellezza. Coloro i cui problemi di salute sono localizzati alla pelle o ai muscoli preferiscono usare i topici al CBD per un possibile sollievo mirato dei sintomi.

Quando si vendono prodotti topici al CBD, si dovrebbe decidere:

  • I tuoi prodotti sono rivolti più a problemi di salute o di bellezza?
  • Dove e come farete pubblicità?
  • Dove venderete i vostri prodotti?
  • Dove immagazzinerete le vostre scorte?

Quando vendi un prodotto topico al CBD, dovresti sempre assicurarti che la quantità di CBD inclusa in ogni prodotto sia chiaramente e accuratamente etichettata. La maggior parte dei prodotti include anche tutta una serie di ingredienti completamente naturali noti per le loro proprietà nutrienti e aromatiche, come l’olio di cocco, di rosa canina e di jojoba, la lavanda e altro.

Diogni rispettiva nicchia di CBD, la cura della pelle è quella con il maggior potenziale di crescita, che dovrebbe valere quasi 2 miliardi di dollari entro il 2025. Questo è in parte dovuto al fatto che il CBD è ritenuto ricco di proprietà anti-invecchiamento e anti-infiammatorie (che possono aiutare l’acne e i sintomi dell’artrite), oltre ad essere ricco di antiossidanti.

Anche prodotti topici di CBD più stravaganti stanno guadagnando terreno, come il disinfettante per le mani al CBD, il lubrificante, lo shampoo, l’olio per massaggi e altri prodotti per la cura di sé.

Aprire una Spa di CBD

Aprire un negozio online o un negozio di mattoni che vende prodotti per la pelle al CBD è una cosa. Tuttavia, aprire una spa incentrata sui prodotti CBD potrebbe avere immensi guadagni per tutte le parti coinvolte, se fatto correttamente.

Ricordate, il CBD è noto per aiutare potenzialmente ad affrontare i sintomi di:

  • Infiammazione
  • Indolenzimento muscolare (spesso causato dall’esercizio fisico o da condizioni di salute sottostanti)
  • Stress
  • Dolore alla schiena, al collo, alle spalle e altro

Quindi, ogni motivo per cui uno potrebbe voler visitare una spa in primo luogo è anche un motivo per cui potrebbe voler provare il CBD. Quindi, una spa al CBD è potenzialmente un’accoppiata vincente!

Prima di iniziare una spa al CBD, dovresti considerare:

  • Gli immensi costi di avviamento (che potrebbero superare le centinaia di migliaia)
  • Il prezzo dei locali e del personale
  • Le certificazioni necessarie per te e il tuo staff
  • Formazione e assicurazione
  • I costi della pubblicità
  • Attrezzature e forniture
  • Permessi

Allo stesso modo, supponiamo che tu possieda già una spa o uno stabilimento simile (come un salone di massaggi o uno studio di yoga). In questo caso, potrebbe valere la pena di cercare il modo di incorporare prodotti a base di CBD nei tuoi laboratori e sessioni, potenzialmente collaborando con diverse marche per concordare prezzi e accordi reciprocamente vantaggiosi. Anche bruciare una candela infusa di CBD in un angolo potrebbe portare a una vendita!

Cosmetici al CBD

Che si tratti di pelle grassa, secca o mista, problemi come l’acne, la psoriasi, l’eczema e il rossore generale sono tutti problemi comuni che i cosmetici al CBD e la cura della pelle, come lozioni, balsami, sieri, balsami per le labbra, maschere per il viso, cerotti e creme, pretendono di aiutare a integrare.

Così come gli altri fattori elencati per le imprese di CBD topico, prima di vendere cosmetici CBD, si dovrebbe anche considerare:

  • Branding e marketing per i vostri prodotti – come differenzierete il vostro prodotto dalla grande varietà già presente sul mercato?
  • Da dove vi procurerete i vostri prodotti e quali ingredienti naturali metterete in evidenza?
  • Dove venderete i vostri prodotti? Molti marchi di cosmetici al CBD preferiscono collaborare con i rivenditori esistenti per trovare i loro prodotti sugli scaffali dei negozi.
  • Il costo dell’assicurazione e della produzione.
AlphaGreen The Top 8 Niches in the CBD Industry: The Best CBD Business Ideas

Idee per il business del cibo e delle bevande al CBD

Ilcibo infuso con il CBD è una tendenza in aumento dal 2019, quando un sondaggio della National Restaurant Associationha rilevato che il 76% degli chef considera il cibo e le bevande a base di CBD in aumento di popolarità. Tuttavia, se il CBD possa o meno essere considerato legalmente un “cibo” varia da paese a paese e persino da stato a stato, quindi è sempre meglio controllare i regolamenti dove si vive. Se possibile, consulta un avvocato prima di iniziare a vendere cibi e bevande al CBD.

Vendere gli alimenti al CBD

Dal cioccolato infuso di CBD, miele e altri snack, ai cocktail al CBD e alle bevande gassate, c’è solo una regola quando si pensa di vendere alimenti al CBD: se si può mangiare, si può aggiungere il CBD! I prodotti con sapori naturali e una comprovata storia biologica sono i più ambiti nel settore attuale, ma altrettanto importante è offrire una gamma di sapori tra cui i consumatori possano scegliere. Le opportunità in questo settore sono altrettanto infinite, con prodotti come:

  • Prodotti proteici al CBD
  • Gomme al CBD
  • Torte, biscotti, brownies e altri dolci al CBD
  • Condimenti e guarnizioni per insalate infuse di CBD
  • Polvere e additivi per frullati al CBD

Gli edibili al CBD sono amati dai clienti di tutto il mondo per alcune semplici ragioni, la prima delle quali è: chi non ama il cibo? A causa dei potenziali benefici del CBD, gli edibles sono considerati quel raro equilibrio tra sano e delizioso. Conosciuti per i loro dosaggi relativamente più bassi e i possibili effetti più duraturi, gli snack al CBD sono la risposta perfetta per i consumatori che vogliono provare il CBD ma non si sentono a proprio agio nel maneggiare un prodotto poco familiare come una pipetta o una penna da svapo. Dopo tutto, tutti sanno come mangiare!

Molti CBD edibili sono venduti in posti come supermercati e stazioni di servizio – il che significa che se possiedi già uno di questi, potresti collaborare con un marchio di CBD preesistente e vendere CBD edibili in questo modo. In alternativa, se hai la pazienza e la grinta per creare il tuo marchio di CBD da zero, potresti teoricamente esibire molto più controllo sugli edibili che venderai. Tuttavia, gestendo il tuo marchio, potresti avere più difficoltà a tenerti aggiornato con le ultime leggi sul CBD.

Prima di vendere gli edibili di CBD, dovresti anche considerare:

  • Gli edibili al CBD sono legali dove vivi?
  • Quali permessi e licenze necessari sono richiesti nella tua zona?
  • Da dove ti procurerai il CBD? I tuoi prodotti hanno risultati di laboratorio affidabili e una tracciabilità dal seme alla vendita?
  • Puoi permetterti i costi di produzione e le licenze, che spesso sono considerevolmente più alti per le attività di CBD commestibile che per altre iniziative?
  • Chi è il tuo pubblico di riferimento? Questo avrà un impatto sul tipo di CBD commestibile che vendi, dato che alcune aziende vendono prodotti proteici CBD “sportivi”, mentre altre danno più un’atmosfera da “viziati” offrendo torte CBD, biscotti e altri dolci.
  • Come puoi fare appello a un pubblico il più ampio possibile, pur essendo abbastanza specifico da attirare il tuo mercato target?

Vendere bevande al CBD

Conoscete qualcuno che non beve caffè, tè o un cocktail di tanto in tanto? Nemmeno noi. Molte bevande al CBD sono infuse con vitamine, minerali, proteine e altri composti naturali, che possono integrare i potenziali effetti antinfiammatori e calmanti del CBD. Grazie al loro fascino diffuso e alla vasta gamma di possibili benefici, molti vedono le bevande al CBD come una risposta salutare all’industria dell’alcool, e ci si aspetta che crescano solo nei prossimi anni.

Esempi di comuni bevande al CBD che vedrete sul mercato sono:

  • Caffè al CBD
  • Tè al CBD
  • Acqua infusa di CBD
  • Birra al CBD, cocktail e altre bevande alcoliche
  • Miscelatori al CBD

La maggior parte dei costi, degli svantaggi e dei benefici della vendita di bevande al CBD sono gli stessi di quelli della vendita di CBD commestibili.

Aprire un ristorante di CBD

Se la vendita di commestibili e bevande al CBD attraverso metodi standard di vendita al dettaglio non è proprio il tuo stile, un’alternativa creativa può essere quella di aprire un ristorante a tema CBD. Specialmente se hai qualifiche rilevanti nel servizio clienti, nella panificazione o nelle arti culinarie, aprire un ristorante di CBD è il modo perfetto per incanalare la tua creatività e il tuo acume negli affari, se i regolamenti del tuo paese lo permettono.

Aprire un ristorante di CBD significa che puoi aggiungere il CBD a qualsiasi cibo che faresti a casa, con un tocco elevato. Potrai anche interagire più direttamente con i tuoi clienti per vedere cosa funziona e cosa no. Il tuo ristorante CBD ti darà anche lo spazio per andare oltre la semplice vendita di cibo CBD:

  • Puoi usare lo spazio del ristorante per ospitare corsi di cucina CBD, dando ai clienti la possibilità di acquistare il tuo olio CBD o altri additivi con uno sconto quando partecipano. Molti clienti saranno desiderosi di imparare a cucinare con il CBD, per esempio.
  • Puoi usare il nome del ristorante per produrre un libro di cucina CBD, rendendo il tuo marchio più accessibile a un pubblico più vasto.

Mentre il costo di apertura di un ristorante di CBD può raggiungere le centinaia di migliaia di euro, dovreste anche considerare molti dei costi e delle variabili coinvolte nella vendita di alimenti e bevande al CBD, come le licenze, l’assicurazione e il marchio, per non parlare del costo degli strumenti da cucina e della formazione del personale.

Altri prodotti CBD

Mentre l’olio di CBD, i commestibili e i prodotti topici sono le tre principali categorie di prodotti se sei interessato a vendere direttamente il CBD, ci sono alcune altre opzioni se nessuna di queste ti appassiona:

  • Vendere prodotti CBD Vape – dal succo di vape alle penne e alle attrezzature, la gente ama il CBD vape. Questo può essere perché sono già interessati al vaping e il prodotto è facile da integrare nella loro attuale routine, o perché svapare CBD è uno dei modi più veloci per trovare una potente dose di CBD.
  • Vendere oggetti a tema CBD – molte persone stanno abbracciando l'”onda verde” attraverso il merchandising. Dalle magliette alle attrezzature da cucina, alle tende, alle lenzuola, alle penne, alle custodie del telefono, e a qualsiasi oggetto vi venga in mente, vendere prodotti al CBD che non contengono CBD, ma presentano una foglia di cannabis o il logo di un marchio noto (con la loro conoscenza e supporto, ovviamente) può essere un ottimo modo per essere coinvolti nell’industria del CBD senza preoccuparsi di molte questioni legali che hanno un impatto sulla vendita di prodotti infusi di CBD.
  • Vendere attrezzature per la produzione di CBD – questo potrebbe non essere legale dove vivi. Tuttavia, la vendita di piante, incubatrici e altre attrezzature per la crescita della cannabis in casa può essere un’impresa redditizia se la legislazione del tuo paese lo consente, soprattutto perché molte persone sono sempre più interessate a coltivare il proprio CBD.
  • Recensire i prodotti CBD – con così tanti marchi di CBD che si contendono l’attenzione e i regolamenti che si evolvono costantemente con l’espandersi del mercato, molti clienti non sanno a chi rivolgersi e quali marchi sono affidabili. Se hai un grande seguito online, recensire prodotti CBD (e trovare marchi disposti a sponsorizzare i tuoi contenuti) può essere un modo eccellente per sostenere la tua piattaforma esistente, diffondere la consapevolezza dei migliori marchi di CBD, e fare un piccolo guadagno in più.

CBD per animali domestici

AlphaGreen The Top 8 Niches in the CBD Industry: The Best CBD Business Ideas

Il CBD ha mostrato alcuni possibili benefici simili per gli animali domestici come per gli umani. Mentre alcuni luoghi possono vietare l’uso del CBD e di altri prodotti a base di cannabis su animali e animali domestici, molti altri si stanno avvicinando ai potenziali benefici del CBD per cani, gatti e altri compagni animali. Il mercato del CBD per gli animali domestici è ancora relativamente piccolo, il che significa che c’è molto spazio per chi cerca di sviluppare e vendere:

  • Cibo per animali domestici al CBD
  • Trattamenti per cani e gatti
  • Potenziale sollievo dal dolore e capsule
  • Prodotti topici per animali domestici

Ad alcune persone piace anche investire in cibo vegano completamente naturale per animali infuso con CBD. Uno studio del Brightfield Group ha evidenziato diversi fatti eccitanti su questa parte fiorente del settore della cannabis, le due idee principali sono:

  • Più della metà di coloro che comprano CBD per animali domestici stanno cercando di ridurre l’ansia o il dolore nei loro animali domestici.
  • Il mercato varrà quasi 2 miliardi di dollari entro il 2025, man mano che aumenteranno le marche e i prodotti, la consapevolezza dei consumatori e i regolamenti si allenteranno.

In molti luoghi, la popolarità del CBD per gli animali domestici è tale che molti veterinari lo raccomandano con entusiasmo per disturbi specifici, con i dati del Brightfield Group che insinuano ulteriormente che quasi la metà di coloro che acquistano CBD per i loro animali domestici smettono di usare farmaci da prescrizione per i loro animali dopo averlo fatto. Vale anche la pena notare che quasi tre quarti degli umani che assumono CBD possiedono anche animali domestici – indicando un vasto (e in gran parte non sfruttato) mercato potenziale . In un mondo in cui il20% dei cani e il 90% dei gatti anziani sperimentano i sintomi dell’osteoartrite (che viene con tutta una serie di dolori), ora potrebbe essere il momento perfetto per esaminare le opportunità di business del CBD come:

  • La vendita di crocchette e cibo per animali da compagnia al CBD
  • Vendere prodotti topici al CBD per animali domestici (compresi oli, prodotti per la pelle, shampoo e persino coperte e gilet infusi di CBD)

Quando vendi CBD per animali domestici, dovresti considerare:

  • Il costo di produzione (e la tua capacità di produzione)
  • Da dove ti rifornisci di CBD – contatterai tu stesso un fornitore o opererai attraverso un marchio?
  • Se vi rivolgerete o meno ad un tipo specifico di animale domestico
  • La legalità del CBD per gli animali dove vivi
  • Costi di marketing
  • Aprire un sito web e investire in una buona strategia SEO

Aprire un negozio di animali a tema CBD

C’è più di un modo per spellare un gatto (anche se non lo consigliamo in questo caso!) – se non vuoi affidarti al 100% alla sola vendita di prodotti a base di CBD, potresti voler aprire un negozio per animali a base di CBD. Essenzialmente, questo è proprio come un normale negozio di animali, con un fresco tocco di CBD.

Se vuoi lavorare con gli animali e hai l’esperienza commerciale necessaria per farlo, aprire il tuo negozio di animali potrebbe essere una grande alternativa. Puoi ancora vendere prodotti al CBD per animali, ma puoi anche dilettarti in prodotti senza CBD, giocattoli e (naturalmente) animali stessi! Assicurati solo di tenerne conto:

  • Tutto ciò che viene con il lavoro con i grossisti di CBD
  • Le spese tipiche dei negozi per animali, così come le qualifiche e le licenze pertinenti
  • Costi di marketing e branding

Moda CBD

Che tu sia un veterano del CBD o un completo principiante, probabilmente non te l’aspettavi! Il mondo della moda e dell’abbigliamento non è tipicamente uno di quelli che associamo al CBD. Tuttavia, eccoci qui! Molti vestiti stanno già riempiendo i negozi al dettaglio pubblicizzando immagini e citazioni legate al CBD. Allo stesso tempo, alcuni tessuti sono anche infusi con CBD stesso, sostenendo di avere effetti simili al CBD topico sui sintomi del dolore e dell’infiammazione.

Alla luce delle “maskne” causate dalle maschere per il viso che la gente indossa per evitare la contaminazione da COVID-19, le maschere infuse di CBD sono ritenute contenere proprietà antibatteriche e antinfiammatorie che possono aiutare i sintomi dell’acne.

Vendere abbigliamento CBD

Mentre questa porzione dell’industria del CBD è ancora abbastanza giovane, esiste una tecnologia, nota come microincapsulazione, in cui il CBD viene aggiunto ai vestiti tramite gocce di rivestimento in un guscio microscopico (che scompare sotto il calore e l’attrito dell’essere indossato) che può consentire al CBD di interagire con la pelle di chi indossa i vestiti senza inzuppare o macchiare i vestiti.

Si può prendere in considerazione:

  • Il costo di assumere un designer su misura
  • I costi dell’attrezzatura
  • Se venderai i vestiti al CBD in una boutique in mattoni o online
  • Chi farà da modello per i tuoi vestiti CBD, come saranno pubblicizzati, e le leggi che circondano il marketing del CBD nella tua zona.
  • Ti specializzerai in un particolare tipo di abbigliamento? Per esempio, pigiami al CBD per aiutare eventualmente i consumatori a dormire, abbigliamento attivo/sportivo al CBD per alleviare potenzialmente il dolore post-esercizio? Forse preferiresti lavorare con un marchio di CBD che ammiri, vendendo vestiti legati ai loro prodotti attuali.

Vendere accessori CBD è un’altra opzione per quelli di voi che vogliono lavorare con (o creare) un noto marchio di CBD. Articoli come tazze, accessori per capelli, gioielli, custodie per il telefono, portachiavi, borsellini, borse per la spesa, e qualsiasi altro tipo di articolo di bigiotteria può essere un’affidabile opportunità di business con il CBD, se avete le capacità e la dedizione necessarie per renderlo un successo. Questa opzione è anche ottima per coloro che vogliono evitare le possibili complicazioni legali che derivano dalla vendita di prodotti CBD veri e propri.

Marketing CBD

Ora ci stiamo muovendo verso le idee e le opportunità dibusiness del CBDpiù eccitanti al di là della vendita al dettaglio tradizionale, come il marketing del CBD. Non c’è carenza di domanda per i commercianti di CBD, e la grande varietà di opportunità in questo settore riflette la diversità dell’industria stessa. Le parti comuni della pubblicità del CBD includono:

  • Creazione di contenuti
  • Impostazione del sito web/blog
  • Relazioni pubbliche
  • Eventi
  • Pubblicità sui social media
AlphaGreen The Top 8 Niches in the CBD Industry: The Best CBD Business Ideas

Diventa un Marketer CBD

Non importa in quale settore lavori, se hai comprovate capacità di marketing, hai valore. Lo stesso vale per chi vuole diventare un marketer di CBD. Le restrizioni spesso intense espresse nelle leggi sulla pubblicità del CBD fanno sì che la richiesta di marketer del CBD che siano all’altezza della sfida sia costante a tutti i livelli dell’industria, dalla vendita al dettaglio classica alla produzione e alla crescita.

Con migliaia di marchi sul mercato attuale, i marchi di CBD premium sono costantemente alla ricerca di qualcosa che li differenzi dalla massa comune. La chiave per differenziare un marchio? Un marketing stellare. Alcuni esempi di marketing del CBD sono:

  • Eventi personali e virtuali (sia in contesti B2B che B2C)
  • Mostrare le recensioni positive dei clienti in tutto il tuo sito web e nei materiali promozionali
  • Link building e SEO per il sito web del tuo marchio
  • Progettazione grafica
  • Marketing dei contenuti
  • Marketing di affiliazione
  • Copywriting
  • Rappresentazione e sviluppo del marchio
  • Omaggi e promozioni (inclusi codici coupon per gli abbonati)
  • Email marketing
  • Social media marketing

Marketing di affiliazione al CBD

Il marketing di affiliazione ha luogo quando usi la tua piattaforma per promuovere il prodotto di qualcun altro, mettendo un link al loro prodotto all’interno del tuo contenuto. Ti viene poi pagata una commissione per chiunque usi quel link per fare un acquisto. Se hai un grande seguito online, il marketing di affiliazione è un’eccellente opportunità di business conCBD con bassi (se non nulli) costi di avvio e rischio minimo. Il marketing di affiliazione è considerato uno dei modi migliori per guadagnare un reddito passivo – il che significa che puoi fare soldi senza lavorare oltre la creazione iniziale del tuo contenuto – potresti teoricamente guadagnare soldi mentre dormi, se giochi bene le tue carte!

Unendoti a una rete di affiliazione CBD, puoi facilmente identificare un qualsiasi numero di marche e prodotti CBD che attirano la tua attenzione, e per i quali puoi essere appassionato a creare contenuti. I marchi e le reti di affiliazione spesso ti forniranno coupon, codici sconto e altri vantaggi per aiutare a spingere il tuo pubblico a fare un acquisto.

Se hai un talento naturale per il marketing e la creazione di contenuti, questa opportunità di business è così buona come diventa – hai il controllo totale sul contenuto che crei. Non c’è limite alla quantità di marchi di CBD con cui puoi collaborare.

Sia che tu gestisca un blog di successo, che tu abbia un sito web stellare, o che tu sia una star di Instagram, finché la tua piattaforma può portare ad acquisti tramite link di affiliazione, puoi trarre profitto dal marketing di affiliazione. I tipi di contenuto che i marketer affiliati spesso producono includono articoli, recensioni, elenchi e i classici post sui social media.

Prima di entrare nel marketing di affiliazione del CBD, considera:

  • Se la tua piattaforma è abbastanza grande da valere la pena di creare contenuti e generare lead. Le reti di affiliazione/marchi tipicamente tracciano i vostri cookie solo per alcuni mesi dopo il vostro post, quindi, se nessuno clicca sui vostri link di affiliazione e fa un acquisto, non sarete pagati.
  • Se il tuo pubblico attuale è interessato al prodotto che stai promuovendo.
  • Come assicurarti di lavorare solo con marchi di CBD affidabili e di prima qualità (più avanti su questo).
  • Assicurati di ricercare i regolamenti legali e le leggi sulla pubblicità del CBD che circondano il prodotto che hai scelto, comprese le leggi per la tua zona e per il paese in cui ha sede l’azienda di CBD.

Diventa un grafico per un marchio di CBD (o più marchi)

Che tu sia impiegato come freelance o in un ruolo più permanente nel team di marketing, la maggior parte dei marchi di CBD ha un disperato bisogno di un graphic designer che possa produrre materiale più creativo di una foglia di cannabis su uno sfondo semplice. Fare il graphic designer per le aziende CBD significa che ti potrebbe essere chiesto di creare loghi, banner per siti web, contenuti da includere nei post sui social media e altro ancora. Se avete le capacità e l’entusiasmo creativo, cercate online le marche di CBD che hanno bisogno di un buon grafico.

Social Media Marketing per le marche di CBD

Come ogni altro business, molti marchi di CBD creano attentamente la loro immagine digitale nella speranza di diffondere un buon passaparola e diventare un’autorità online sul CBD per i loro consumatori. Una gran parte di questo avviene attraverso il marketing dei social media. Mentre Facebook, Instagram e Twitter sono i luoghi principali in cui si parla di CBD, anche altri siti come Tiktok, YouTube e Linkedin sono rilevanti. Ogni sito web ha diverse sfumature su come i marchi di CBD possono usarlo – la maggior parte non permette che il CBD sia usato nelle pubblicità a pagamento, quindi i marketer devono essere creativi con le loro immagini e il loro linguaggio.

Se sei bravo con i social media (o hai esperienza professionale con una delle piattaforme sopra menzionate), cerca i lavori disponibili presso i marchi di CBD e le piccole imprese.

Sviluppo web e gestione di un sito web CBD

Circa il 40% del mercato del CBD avviene tramite acquisti online ed e-commerce. Come tale, i marchi di CBD dipendono dalla gestione di un sito web stellare per ragioni quali:

  • Vendere i loro prodotti CBD
  • Sviluppare la consapevolezza (e la lealtà) del marchio
  • Marketing generale
  • Far funzionare il loro blog sul CBD
  • Educare i loro consumatori

Anche i marchi affermati sono spesso alla ricerca di una nuova persona che si occupi dello sviluppo web e del lato SEO dell’industria del CBD, perché questo spesso significa un migliore tasso di conversione e un migliore posizionamento nei motori di ricerca.

Se non vuoi lavorare direttamente con un marchio di CBD, puoi comunque creare il tuo sito web o blog dedicato al CBD. Una volta che hai costruito un seguito decente, potresti volerti impegnare in contenuti sponsorizzati, marketing di affiliazione, recensioni pagate e altro. Non confondete questo con un modo facile di fare soldi – senza un’identità di marchio CBD su cui ripiegare, sarete sotto pressione più che mai per pensare al layout, al tipo di contenuto che creerete, e a come attrarre il vostro pubblico di riferimento per intrattenerlo e per fargli ottenere un profitto costante.

Se hai competenze tecniche simili ma non vuoi impegnarti in un sito web, potresti anche considerare:

  • Costruire un’app per gli utenti del CBD (o di un marchio specifico) – questo potrebbe aiutare i consumatori a trovare informazioni sul prodotto, mostrare le indicazioni per il dispensario di CBD più vicino, o fornire consigli su quale prodotto CBD potrebbe essere giusto per loro.
  • Costruire una comunità online per gli utenti del CBD – un social network di consumatori di CBD, dai principianti ai veterani, potrebbe essere una grande opportunità di business se hai il giusto mix di competenze tecniche e umane per far decollare l’idea. Potresti anche fare un passo avanti e creare una comunità che permetta ai marchi di CBD di incontrare produttori, affiliati, e fare più connessioni di settore di quelle che normalmente troverebbero in qualsiasi punto online.

Produzione CBD

Se il lato della vendita al dettaglio e del marketing dell’industria del CBD non ti attrae, perché non considerare una carriera nella produzione di CBD?

Diventare un produttore di CBD

Produzione di imballaggi CBD

Questo è un business complicato, pieno di conoscenze tecniche, costi di avviamento considerevolmente alti e concorrenza. Come produttore di CBD, è tua responsabilità fornire certificati di analisi affidabili e test di terze parti a sostegno del tuo CBD, oltre a garantire che tutti i prodotti che produci rientrino nelle linee guida legali ovunque vengano venduti. La ragione principale per cui i proprietari di marchi di CBD si rivolgono ai produttori è perché, beh, loro fanno tutto il lavoro pesante!

Saranno necessarie anche capacità umane, dato che i produttori tendono a lavorare direttamente con i marchi e i rivenditori di CBD per produrre esattamente il tipo di prodotto che il mercato richiede al momento. Molti produttori preferiscono attenersi a una particolare nicchia di prodotti, affinando la loro esperienza e vendendo a un tipo secolare di marchio di CBD. Per vendere i tuoi prodotti, potresti desiderare di:

  • Contattare direttamente i marchi di CBD
  • Coinvolgere una terza parte, come un affiliato CBD, un negozio individuale, un sito web o un distributore

I principali costi di avviamento saranno fisici: acquisto di attrezzature, locali, manodopera e altro per estrarre l’olio di CBD dalle piante di canapa industriale (che puoi anche scegliere di coltivare). La formazione pertinente, le conoscenze e le qualifiche sono tutte cruciali per produrre olio di CBD di alta qualità.

Dovresti anche essere avvertito: nonostante le difficoltà, questo settore dell’industria del CBD è anche pieno di concorrenza, con molti produttori di CBD che producono una vasta gamma di prodotti di CBD tra cui i marchi possono scegliere. Tuttavia, supponiamo che tu possa trovare un prodotto che nessun altro produttore sta producendo, o che tu riesca a trovare una nuova angolazione per invogliare i marchi a investire nel tuo olio di CBD. In questo caso, la produzione potrebbe essere la migliore opportunità di business del CBD per te.

Prima di iniziare a produrre CBD, pensa a:

  • Come finanzierai la formazione, le attrezzature e gli altri costi di produzione
  • Come ti assicurerai che il tuo prodotto sia di prima qualità
  • Come fornirai test di laboratorio di terze parti ed etichette chiare
  • Chi produce prodotti CBD simili ai tuoi e chi compra da loro? Più conosci i metodi dei tuoi concorrenti, più puoi migliorare le loro formule collaudate.
  • Quali regolamenti i tuoi prodotti rispetteranno (potresti voler consultare un avvocato con esperienza nell’industria del CBD prima di iniziare il processo di produzione)
  • Coltiverai la tua canapa industriale? Se no, da dove te la procurerai e come puoi essere sicuro della sua qualità? Tieni presente che i migliori produttori di CBD forniscono una tracciabilità dal seme allo scaffale sui loro prodotti.

Diventare un estrattore di CBD

Se hai le rare qualità che fanno di un eccellente estrattore di CBD – esperienza nel settore, conoscenze tecniche e probabilmente un dottorato in biochimica – allora questo può essere un modo incredibilmente lucrativo per ritagliarsi il proprio spazio nel mondo del CBD. Dovrai essere consapevole degli standard industriali per un’estrazione sicura, poiché il tuo passo del processo di produzione è uno dei più vitali per assicurare un olio di alta qualità di cui i clienti possano fidarsi.

Questo significa garantire che ci siano solo quantità legali di THC e CBD in ogni prodotto, assicurare un’etichettatura accurata e altro ancora.

Sviluppare tecnologie e macchinari per la produzione del CBD

Se essere direttamente coinvolto nella produzione del CBD non è il tuo stile, una migliore idea di business sul CBD potrebbe risiedere nello sviluppo di macchinari e tecnologie per aiutare i produttori di CBD. Anche se questo può comportare un sacco di soldi e investimenti all’inizio, una volta che sei una forza affermata nel settore, noto per la produzione di attrezzature di alta qualità e all’avanguardia che producono il miglior CBD, sarai sulla buona strada per il successo a lungo termine con un alto ritorno sul tuo investimento.

C’è un’ampia opportunità di business nella tecnologia del CBD, soprattutto perché l’industria è così giovane – se giochi bene le tue carte, potresti sviluppare una tecnologia che non solo automatizza ulteriormente l’industria, ma che la accelera anche.

Lavorare nel controllo di qualità del CBD

A questo punto, avrete probabilmente capito che l’industria del CBD si basa sul rispetto di regolamenti spesso rigorosi, indipendentemente dal luogo in cui si apre il negozio. Come tale, i tester del controllo qualità del CBD sono sempre abbastanza richiesti, ispezionando costantemente non solo i prodotti, ma anche l’efficacia delle leggi che li circondano. Questo percorso di carriera può comportare lavorare per i marchi stessi, o anche per gli enti governativi che creano i regolamenti per cominciare.

AlphaGreen The Top 8 Niches in the CBD Industry: The Best CBD Business Ideas

Produzione di confezioni di CBD

Se lavorare direttamente con il CBD non ti attrae, non contarti ancora fuori dalla “corsa verde”: puoi ancora produrre le confezioni dei prodotti! Ci sono migliaia di marchi là fuori, ognuno con la propria voce distintiva e che hanno bisogno di un packaging attraente per i loro prodotti.

Come tale, non dovrebbe sorprendere che milioni di bottiglie di CBD siano necessarie in tutto il mondo, ogni giorno!

L’imballaggio di plastica è ragionevolmente economico, mentre il vetro può costare di più (ma si venderà anche a un prezzo maggiore), il che significa che questa idea di business del CBD può avere un costo di avviamento medio-basso. Alcuni produttori possono persino produrre “plastica” dalla pianta di canapa, il che può portare a tutta una serie di idee di packaging per prodotti interessanti!

Mentre l’industria continua a crescere, sorgeranno più marche, ognuna delle quali avrà bisogno del proprio packaging distinto per distinguersi dalla massa. Essenzialmente, produrre bottiglie, contenitori e involucri di CBD è un modo tangibile per entrare nell’industria del CBD.

Un avvertimento: anche se non si lavora direttamente con la pianta di canapa quando si producono imballaggi per il CBD, è comunque importante avere familiarità con gli ultimi regolamenti e leggi riguardanti ciò che si può dire sul CBD e ciò che è classificato come un’indicazione pericolosa per la salute dalle autorità. La confezione giusta può trasformare un semplice prodotto di CBD in un bestseller, mentre le etichette sbagliate possono far finire qualsiasi marchio (e la tua attività) in acqua calda legale.

Distribuzione CBD

Se hai già esperienza come distributore di prodotti, perché non applicarla al mondo del CBD? I distributori di CBD vendono i prodotti direttamente ai negozi al dettaglio, e spesso guadagnano fino al 40% di profitti, a patto che si tratti solo dei migliori prodotti CBD. Per essere sicuri della qualità dei vostri prodotti, assicuratevi:

  • Ogni prodotto sia chiaramente e accuratamente etichettato
  • I tuoi prodotti siano accompagnati da un test di laboratorio di terzi e da un certificato di analisi (COA), che ne mostri il contenuto, compresa la ripartizione di tutti i composti inclusi nel prodotto.

Per farcela come distributore di CBD, devi conoscere i migliori fornitori e costruire una rete di negozi di CBD, siti di e-commerce, marchi, affiliati e altri che potrebbero essere interessati a vendere il tuo prodotto direttamente al mercato di destinazione.

Diventare un distributore di CBD

Come distributore di CBD, agirai come una sorta di intermediario per i produttori e i rivenditori, facendo accordi con entrambi per garantire che il prodotto CBD giusto vada ai clienti giusti. Come tale, le tue capacità di networking dovrebbero essere a dir poco notevoli in questa linea di business del CBD.

Diventare un distributore di CBD può essere uno sforzo impegnativo (ma gratificante). Per esempio, negli Stati Uniti, i distributori di CBD richiedono una licenza speciale per i distributori, che può essere difficile da ottenere in molti posti. Nel Regno Unito, avrete bisogno di una Licenza per la canapa industriale. Questa vi permette di:

  • Acquistare e rivendere cannabis a negozi al dettaglio e marchi di CBD
  • Effettuare controlli di qualità sui prodotti CBD
  • Trasportare CBD e altri prodotti derivati dalla canapa
  • Potenzialmente coltivare piante di canapa industriale

Avrai anche bisogno di capacità di comunicazione e di business stellari (specialmente quando tratti con i produttori di CBD e rimani in buoni rapporti con loro). Tuttavia, questo sforzo può ripagare rapidamente se stesso in possibili profitti. I prezzi dei distributori di CBD all’ingrosso sono di solito fissati a un ricarico del 20-40%, il che significa che il potenziale guadagno è immenso se riesci a gestire il calore e a stare al passo con i regolamenti in continua evoluzione. Come distributore di CBD, assicurarsi che tutti i prodotti che trattate siano all’interno delle linee guida legali sarà una grande parte del vostro lavoro.

Iniziare un’attività di corriere CBD

Qual è la differenza tra un distributore di CBD e un corriere di CBD? Essenzialmente, un corriere lavorerà più per piccoli lavori consegnando i prodotti direttamente a casa dei clienti nei casi in cui questi non possono recarsi autonomamente al più vicino negozio di CBD.

Diventare un corriere del CBD offre l’opportunità di fare buoni guadagni, e comporta anche orari flessibili e una buona dose di viaggi da un posto all’altro. Questa idea di business CBD può anche essere abbastanza sociale, con frequenti viaggi nelle singole case che ti incoraggiano a incontrare più persone.

Per iniziare un’attività di corriere CBD, dovrai iniziare un servizio di corriere ufficiale (che può essere stabilito come una società a responsabilità limitata, una ditta individuale o una partnership) e fornire il tuo trasporto, che può essere qualsiasi cosa, da una bicicletta con una borsa a un furgone con scaffali robusti nella parte posteriore.

I costi di avviamento possono variare, a seconda del tipo di business che hai impostato, il trasporto che userai, le licenze necessarie dove vivi, e altri fattori simili. Tuttavia, se paragonato alla maggior parte delle opportunità di business del CBD, questo è relativamente economico da avviare.

Non sorprende che i contenuti siano una parte massiccia dell’industria del CBD. Siete ancora sorpresi? Pensaci: molti consumatori non sono ancora sicuri di cosa sia il CBD, e quelli che sono a conoscenza del composto sono spesso confusi sul fatto che sia legale, sul dosaggio da prendere e sulle differenze tra i diversi prodotti. Come tale, molti marchi di CBD stanno scegliendo di investire nella creazione di contenuti educativi, come blog, podcast e influencer marketing.

Iniziare un blog sul CBD

Molti marchi di CBD gestiscono un blog attraverso il loro sito di e-commerce. Se avete un’attitudine creativa, un modo per usare le parole, e una comprensione di come parlare dei prodotti CBD all’interno delle linee guida pubblicitarie (come la MHRA nel Regno Unito). Puoi scegliere di:

  • Scrivere per un marchio di CBD attraverso il loro blog (di solito da una posizione freelance o ‘permalance’)
  • Scrivere per (e far crescere) la propria piattaforma di contenuti CBD online
  • Gestire un blog principalmente tramite post di affiliazione al CBD e contenuti sponsorizzati (sebbene siate consapevoli che avrete bisogno di una piattaforma preesistente prima che i link di affiliazione vi forniscano qualche profitto)

Avrai bisogno di stabilire un forte rapporto e fiducia con i tuoi lettori, così come una scrittura coerente e un programma di pubblicazione che costruisca fiducia e coerenza nel tuo marchio, sia che si tratti del tuo marchio personale come blogger, sia che si tratti di scrivere come marchio di CBD.

Il principale svantaggio di questo tipo di creazione di contenuti è che può richiedere del tempo per costruire un profitto e un pubblico. Tuttavia, una volta che il tuo pubblico è stabilito (insieme alla tua reputazione come autorità nel settore), hai un modo abbastanza semplice per ottenere un reddito passivo online. Oltre a rispondere alle FAQ sul CBD e a fornire informazioni generali per aumentare la fiducia dei consumatori, un blogger CBD può anche:

  • Inserire link strategici per condurre i clienti ai prodotti che un marchio desidera promuovere.
  • Recensire certi prodotti attraverso post sponsorizzati e non.
  • Scrivere guide per introdurre i clienti a nuovi e vecchi prodotti CBD, gettando una luce nuova dove altrimenti potrebbe esserci confusione. Alcuni blogger possono aggiungere un “tocco umano” a quello che altrimenti potrebbe essere un articolo insipido e poco coinvolgente.
  • Costruiscono le loro abilità SEO usando la ricerca delle parole chiave e altre tecniche per rafforzare i risultati dei motori di ricerca per i loro contenuti

I costi di avvio (supponendo che tu abbia già le basi, come un computer con una tastiera funzionante e una connessione internet), possono essere gratuiti o sotto le 100 sterline, a seconda del tipo di blogging che farai, così come il sito web su cui il tuo blog è basato. Siti come Wix e WordPress offrono opzioni gratuite, con piani di abbonamento avanzati ancora relativamente economici se hai un budget limitato. Combinato con il fatto che il blogging ti permette essenzialmente di essere il tuo capo, stabilire connessioni nel settore e lavorare da qualsiasi parte del mondo, e questa Opportunità di business CBD comincia a sembrare davvero molto attraente.

Man mano che la consapevolezza del tuo marchio individuale aumenta, potresti alla fine aprirti a campagne di marchio tramite i social media e altre forme di creazione di contenuti e pubblicità digitale accanto al tuo blog.

AlphaGreen The Top 8 Niches in the CBD Industry: The Best CBD Business Ideas

Creare un podcast sul CBD

Un podcast è essenzialmente la versione moderna di un programma radiofonico, solo con l’immensa popolarità che è possibile solo attraverso internet come lo conosciamo oggi. Come per il blogging sul CBD, puoi scegliere di lavorare in affiliazione con un marchio, o creare indipendentemente i tuoi contenuti. Questa è la migliore idea di business CBD per te se non sei timido davanti a un microfono e sei desideroso di diffondere la buona parola del CBD alle masse.

Con un sacco di opportunità di impegnarsi con i professionisti del settore (avendoli come guest star nel tuo podcast, per esempio), non c’è carenza di opportunità di networking da avere con questa idea di business.

La maggior parte dei podcast CBD comporta:

  • Interviste dirette con veterani del CBD, scienziati, aggiornamenti dell’industria ed esperti
  • Pezzi di opinione, dibattiti e recensioni di prodotti

I podcaster del CBD possono sperare di guadagnare attraverso sponsorizzazioni dirette con marchi, summit virtuali e altri eventi, marketing di affiliazione, pubblicità audio, crowdfunding (così come altri servizi come Patreon), insieme a tutti gli altri modi che derivano dalla costruzione di un pubblico online graduale, come il social media marketing e altri tipi di espansione.

I costi di avvio saranno ragionevolmente bassi, anche se un microfono di alta qualità e altre attrezzature di produzione possono costare circa 100-500 sterline, a seconda di come si desidera registrare il podcast e quanto si vuole investire. Anche pagare per un posto sulla piattaforma di podcasting scelta può farti spendere circa 20 sterline al mese (anche se molte piattaforme sono gratuite).

Diventa un influencer CBD

Se hai un talento per i social media, la narrazione e l’accesso a un vasto pubblico online, diventare un influencer CBD potrebbe essere la strada migliore per te. Anche se non sempre si pensa a un “business”, diventare un influencer del CBD è un percorso di imprenditorialità. Le nicchie comuni per gli influencer del CBD includono:

  • CBD per animali domestici
  • Salute e benessere generale
  • Yoga e spiritualità
  • Bellezza e moda
  • Esercizio fisico

Mentre è gratuito iscriversi a qualsiasi sito di social media, dovrai investire molto tempo, energia e ricerca per costruire un pubblico fedele. Sia che tu tratti i social media come un’attività secondaria o la tua vocazione primaria, puoi scegliere di integrare i tuoi post con l’industria del CBD tramite:

  • Post di affiliazione
  • Offerte di marca
  • Utilizzando hashtag di marca
  • Pubblicando recensioni di prodotti

Dovrai tenere il dito sul polso delle leggi sulla pubblicità del CBD, facendo un passo avanti rispetto a molti marchi, diventando anche un esperto di quali linee guida la tua piattaforma scelta impone al CBD. Per esempio, Facebook e Instagram ti permettono di pubblicizzare prodotti topici derivati dalla canapa (anche se non puoi menzionare il CBD nell’annuncio o nella landing page). Molte piattaforme di social media non permettono di promuovere i prodotti CBD tramite pubblicità a pagamento, il che significa che i marchi devono rivolgersi agli influencer come autorità che possono guidare il traffico dei social media verso le loro attività.

Suggerimenti per il business del CBD

A questo punto, avrete probabilmente capito che ci sono un milione di modi per essere coinvolti nell’industria del CBD – e potenzialmente fare una strage. Una volta che hai trovato la nicchia che ti piace di più, dovresti studiarla il più intensamente possibile. Abbiamo curato alcuni consigli speciali sul business del CBD per te:

  • Assicurati di capire le leggi legali e di marketing del CBD ovunque tu venda CBD – anche se è online, e anche se il prodotto non passa mai per le tue mani (come nel caso del dropshipping). Assicurati di tenerti aggiornato su tutti i regolamenti pertinenti, dato che cambiano costantemente e si rilassano gradualmente man mano che l’efficacia del CBD migliora.
  • Decidete di vendere (e procurarvi) un prodotto in cui potete credere personalmente. Questo non solo renderà il marketing più semplice, dato che sarai in grado di vedere facilmente le cose dal punto di vista del tuo pubblico di riferimento, ma ti assicurerà anche che il prodotto sia di alta qualità. Tutti i prodotti che vendi dovrebbero essere accompagnati da un certificato di analisi di laboratorio di una terza parte (AKA un COA) ed essere derivati da ceppi di canapa industriale.
  • Pensate a come essere migliori dei vostri concorrenti, e assicuratevi che questo sia una parte fondamentale della vostra strategia aziendale.
  • Assicuratevi di essere onesti, trasparenti e degni di fiducia, indipendentemente dall’idea di business del CBD che perseguite. Le persone generalmente usano il CBD per la loro salute e il loro benessere, il che significa che devono potersi fidare della sua efficacia. Citare studi scientifici, etichettare in modo chiaro e procurarsi il miglior CBD aiuterà molto in questo senso.
  • Se non sei tu stesso a produrre o fornire il CBD, fai i passi in più necessari per assicurarti che i prodotti che stai ricevendo siano della migliore qualità. Cose come la reputazione industriale del fornitore, il COA e l’etichettatura dei prodotti, ecc. dovrebbero giocare a vostro favore.

Riflessioni finali

AlphaGreen The Top 8 Niches in the CBD Industry: The Best CBD Business Ideas

A questo punto, avete visto una buona gamma di opportunità e idee di business con il CBD – o forse avete individuato una lacuna nel settore che nessuno sta ancora colmando! NuOptima è qui per aiutarvi con molte delle vostre esigenze di marketing e di business con il CBD, come ad esempio:

  • SEO
  • Influencer Marketing
  • Email Marketing
  • Servizi creativi
  • E molto altro ancora!

C’è un enorme potenziale in tutte le nicchie dell’industria del CBD, e il momento non è mai stato migliore per immergersi nel mondo della canapa industriale, sia come produttore, rivenditore o creatore di contenuti. La domanda è in crescita, le prospettive dell’industria sono in continuo cambiamento, e il potenziale di successo è sempre presente.


Anastasiia Myronenko

Verificato da un operatore sanitario

Anastasiia Myronenko

Anastasiia Myronenko è specialista in Fisica Medica ed esercita attivamente in uno dei principali centri oncologici di Kiev, Ucraina. Ha conseguito un Master in Fisica Medica presso l’Università Nazionale di Karazin Kharkiv e ha completato uno stage in Fisica Biologica al GSI Helmholtz Centre for Heavy Ion Research, in Germania. Anastasiia Myronenko è specializzata in radioterapia ed è membro della Ukrainian Association of Physical Medicine.

FAQ

Come posso raccogliere fondi per le mie idee commerciali sul CBD?

Ci sono molti modi per raccogliere fondi per qualsiasi opportunità di business CBD che pensi valga la pena di perseguire, come:

  • Crowdfunding
  • Formare una cooperativa e condividere i costi del business con i comproprietari

  • Trovare investitori
  • Richiedere prestiti personali o aziendali
  • Un business con il CBD è redditizio?

    A condizione che tu fornisca ai tuoi clienti il miglior prodotto di olio di CBD, non importa quale idea di business CBD tu persegua, è probabile che tu realizzi un profitto. Nel caso di un blog o di un podcast sul CBD, questo potrebbe richiedere più tempo mentre costruisci un pubblico. Tuttavia, una volta che sarete in grado di ottenere un pubblico sufficiente per costruire una trazione all'interno dell'industria, quasi certamente otterrete un profitto. Tutto è possibile con un marketing intelligente e informato e un prodotto o servizio di prima qualità.

    Quanto ti serve per iniziare un business con il CBD?

    I costi di start-up per un business con il CBD vanno da zero (nel caso di blog e podcast) a centinaia di migliaia (per esempio, gestendo una spa CBD, un negozio di animali, o gestendo quasi tutti gli spazi fisici dove vendi il tuo CBD). Prima di buttarsi a capofitto in qualsiasi idea di business con il CBD, dovreste ricercare tutti i potenziali costi correnti e di avvio per cose come:

    • Posizione
    • Licenze
    • Dipendenti
    • Branding e marketing

    Come posso entrare nell'industria del CBD?

    A seconda della nicchia che pensi sia meglio per te, entrare nell'industria del CBD può essere facile o impegnativo. Tuttavia, indipendentemente dal tipo di business del CBD in cui stai cercando di entrare, quanto segue può essere utile:

    • Connessioni nel settore
    • Esperienza e competenze rilevanti
    • Una grande piattaforma online
    • Conoscenza dell'industria del CBD e di come commercializzare il CBD

    Il CBD è un buon business in cui investire?

    Qualsiasi idea di business sul CBD può essere un ottimo investimento, a patto che tu faccia le tue ricerche, rimanga aggiornato sull'industria e ti assicuri che il tuo prodotto soddisfi un certo livello di domanda da parte dei consumatori. Poiché il mercato continua ad espandersi, molte persone non vedono l'ora di avere un grande ritorno sui loro investimenti nell'industria del CBD.

    È troppo tardi per iniziare un business con il CBD?

    L'"onda verde" del CBD sta attualmente travolgendo l'Europa (e anche il resto del mondo), facendo sì che alcune persone si chiedano se sia troppo tardi per iniziare il loro business con il CBD o investire in qualsiasi opportunità all'interno dell'industria. Beh, non lo è! L'industria del CBD continua a crescere, e molte lacune nel mercato devono ancora essere colmate da imprenditori competenti e adeguatamente ambiziosi.