Consegna gratuita nel Regno Unito
Parla con noi in Live Chat
Consegna in tutto il mondo ora disponibile
Eccellente Excellent Trustpilot
Alphagreen
>
Academy
>
Non categorizzato
>
CBD e olio di canapa: I gemelli non identici che affrontano la cattiva pelle
By Anastasia Myronenko

Anastasiia Myronenko

Anastasiia Myronenko è specialista in Fisica Medica ed esercita attivamente in uno dei principali centri oncologici di Kiev, Ucraina. Ha conseguito un Master in Fisica Medica presso l’Università Nazionale di Karazin Kharkiv e ha completato uno stage in Fisica Biologica al GSI Helmholtz Centre for Heavy Ion Research, in Germania. Anastasiia Myronenko è specializzata in radioterapia ed è membro della Ukrainian Association of Physical Medicine.

CBD e olio di canapa: I gemelli non identici che affrontano la cattiva pelle

alphagreen-CBD-and-Hemp-Oil

Ci sono diverse cose da sapere sia sul CBD che sull’olio di canapa e sul loro orgoglioso status di elisir vitali per la cura della pelle – la numero uno (che è comunemente fraintesa) è che non sono la stessa cosa. Provengono dalla stessa pianta, ma sono potenti ingredienti a sé stanti e hanno benefici distinti.

Prima di analizzare le differenze tra l’olio di canapa e l’olio di CBD, è importante innanzitutto capire le basi.

Olio di cbd al 10% di Alphagreen - solo £30

Viene fornito con una garanzia di rimborso di 30 giorni

Cannabis, CBD, canapa – cosa significa tutto questo?

Allora, la prima cosa da notare è che esiste la famiglia delle Cannabaceae, che consiste di tre specie primarie: Cannabis Sativa, Cannabis Indica e Cannabis Ruderalis.

La marijuana e la canapa sono due varietà della specie Cannabis Sativa. La marijuana viene coltivata principalmente per uso ricreativo, mentre la canapa ha sempre avuto usi medicinali.

La pianta della cannabis è stata coltivata praticamente dall’alba dei tempi; è originaria del subcontinente indiano e dell’Asia centrale, ma attualmente viene coltivata in tutto il mondo. Si tratta di una specie composta da oltre 200 piante diverse. Hanno caratteristiche comuni ma hanno un’estetica diversa. Tutte queste piante contengono composti chiamati cannabinoidi. I cannabinoidi più studiati di tutti sono il CBD e il THC (Tetraidrocannabinolo).

Numerosi studi hanno dimostrato che sia il CBD che l’olio di canapa hanno tutta una serie di benefici per la salute fisica e mentale; ma nel presente articolo ci concentreremo esclusivamente sui loro effetti rivitalizzanti sulla nostra pelle.

Cosa dice la legge?

L’olio di semi di canapa è sempre legale. Il CBD derivato dalla canapa, tuttavia, non è così semplice. Nella maggior parte dei paesi del mondo, la marijuana è illegale e il CBD è legale. La marijuana di solito contiene circa il 15% di THC (il principale componente psicoattivo della cannabis); quindi induce una sensazione di “high” nel consumatore e produce effetti che alterano la mente. D’altra parte, affinché il CBD possa essere venduto legalmente nel Regno Unito e nella maggior parte dei paesi dell’UE, il contenuto di THC non deve superare lo 0,2%. Negli Stati Uniti, la legge equivalente permette fino allo 0,3%.

Poiché il CBD è un estratto della pianta di cannabis, la sua legalità è intrisa di regolamentazione e legislazione, il che significa che non tutti possono coltivarlo, produrlo o acquistarlo. Le leggi statunitensi sono particolarmente complicate a questo proposito, dato che il CBD è legale a livello federale, ma ci sono incongruenze tra gli stati.

Un riassunto paese per paese della legalità del CBD può essere trovato qui.

Bene, allora come si ottengono gli oli dalla pianta?

L’olio di semi di canapa si ottiene per mezzo di un’estrazione a freddo da varietà di semi di canapa che contengono circa il 30% di olio, ma non contengono cannabinoidi. Il processo consiste nel togliere il guscio a questi semi e rimuovere la buccia esterna prima di pressarli a freddo. Dopo che sono stati raffreddati e spremuti, i produttori scoprono l’olio di semi di canapa. Sembra facile, vero? Beh, questo processo è in realtà molto più facile ed economico del metodo usato per ottenere l’olio di CBD, il che significa che i prodotti successivi sono più economici delle loro controparti a base di CBD.

L’estrazione dell’olio di CBD è leggermente più complessa, dato che viene effettuata principalmente usando i fiori e le foglie della pianta di Cannabis. Questo è il motivo per cui i prodotti contenenti CBD potrebbero essere di una fascia di prezzo leggermente più alta rispetto ai prodotti a base di semi di canapa.

Olio di semi di canapa: i benefici per la tua pelle

Questo tipo di olio ha una miriade di benefici ed è uno strumento fondamentale per ottenere una pelle impeccabile – infatti, probabilmente, a tua insaputa, ha trovato la sua strada in molti dei tuoi prodotti per la cura della pelle grazie ai suoi noti effetti antinfiammatori e idratanti.

Grazie al suo indice di comedogenicità pari a 0, l’olio di canapa è anche ottimo per mantenere i pori della pelle non ostruiti, e la tua carnagione una zona priva di olio – il che non è affatto comune tra gli oli per il viso. Infatti, è uno dei pochissimi oli che vanta questo potere. Inoltre, si dice che l’olio di canapa sia in grado di trattare dermatite atopica e può rallentare il processo di invecchiamento della pelle.

Pensate che i benefici finiscano qui? Ripensateci! L’olio di semi di canapa può essere usato come uno scudo UV e deviare alcuni dei raggi UV che si abbattono su di voi dal sole, senza ostacolare l’assorbimento della vitamina D. Detto questo, vi invitiamo a procedere con cautela al sole, perché questo da solo potrebbe non essere un’armatura sufficiente per proteggere i nostri lettori dalla pelle più chiara!

Un’altra cosa che rende i semi di canapa – e di conseguenza l’olio di canapa – così grandi, è che sono ricchi di antiossidanti, acidi grassi omega-3 e -6. Contengono anche tutti i 21 aminoacidi (!) così come la vitamina E e beta-carotene, che si completano brillantemente quando si tratta di cura della pelle.

alphagreen-CBD-and-Hemp-Oil

L’olio di canapa ha molti pseudonimi: è stato conosciuto per apparire sulle etichette come olio di semi di cannabis sativa; olio di canapa vergine e olio di canapa. La canapa è presente anche in un certo numero di prodotti commerciali e industriali, tra cui corda, tessuti, abbigliamento, carta, isolamento, biocarburante, materiali da costruzione e plastica. Sì, sono tutti fatti con la canapa! È anche un degno concorrente dell’olio di semi di girasole e dell’olio d’oliva come base di cottura.

Una cosa importante da notare, però, è che l’olio di canapa non contiene cannabidiolo, a differenza (avete indovinato) dell’olio di CBD.

Olio di CBD: i benefici per la tua pelle

La ricerca che circonda il CBD è ancora agli inizi, ma emergono continuamente studi che testimoniano i suoi numerosi benefici, soprattutto per quanto riguarda la cura della pelle.

Finora, sappiamo che è un potente antinfiammatorio, proprio come l’olio di semi di canapa. È noto per aiutare a schiarire le macchie della pelle e i casi di acne, combattere la pelle sensibile, affrontare le eruzioni cutanee, eczemarosacea e persino scottature e punture di insetti. Il CBD, se incluso nei disinfettanti, sembra anche rafforza la barriera della pelleproteggendoci da tutti i tipi di batteri e virus.

Come l’olio di canapa, gioca anche un ruolo nel ritardare il processo di invecchiamento. Non solo, ma è stato riferito che migliora la condizione della pelle ancora incurabile, la psoriasi. Di più su questo più tardi.

Inoltre, L’olio di CBD mantiene il nostro sistema endocannabinoide equilibrato – Questo sistema è uno dei più importanti nel nostro corpo ed esiste in tutti gli 11 sistemi fisiologici del corpo. Il suo compito è quello di creare omeostasi o equilibrio in ognuno di questi sistemi. In sintesi, quindi, l’olio di CBD è fondamentale per garantire che l’ECS funzioni in modo ottimale – e un interno sano ed equilibrato = un esterno sano ed equilibrato!

Come l’olio di canapa, l’olio di CBD ha una lista di nomi d’arte: CBD, canapa CBD, cannabidiolo, canapa a tutto spettro, PCR (ricco di fitocannabinoidi) o estratti di canapa PCR. Capiamo che potrebbe essere facile confondere l’olio di CBD con l’olio di canapa, sulla base di tutte quelle menzioni di canapa nei prodotti a base di CBD.

CBD contro le condizioni della pelle

Alcune delle più comuni condizioni croniche della pelle sono ancora senza una cura. Possiamo solo cercare di gestire i sintomi come meglio possiamo, e questo può essere un dolore – se ci perdonate il gioco di parole. Il CBD è noto per alleviare l’impatto debilitante di alcune condizioni della pelle. Anche se i risultati prodotti dagli studi sono incoerenti e inconcludenti, e sono necessari molti più studi per trarre conclusioni verificabili, sono comunque promettenti. Di seguito, abbiamo ristretto alcune comuni condizioni della pelle e delineato come il nostro amico CBD può essere in grado di offrire una mano.

Acne La più comune di tutte le condizioni della pelle, l’acne colpisce soprattutto nell’adolescenza, ma può continuare anche in età adulta. Alla sua radice, l’acne è causata dalla genetica, da squilibri ormonali, da una cattiva alimentazione, dallo stress e/o dall’igiene del viso. Si verifica quando la pelle produce un eccesso di sebo. Il sebo gioca normalmente un ruolo importante nella protezione della pelle, ma l’acne scoppia quando le ghiandole sebacee della pelle producono troppo sebo.

Il ruolo del CBD: La molecola del CBD può aiutare a ridurre la formazione di sebo nelle ghiandole sebacee. Il CBD è stato studiato come un potenziale antinfiammatorio, si suppone che svolga una complessa azione antinfiammatoria e antibatterica. L’acne rossa (non i punti neri) sono il risultato di cambiamenti infiammatori della pelle che il CBD potrebbe essere in grado di domare. Uno studio ha citato che il CBD topico “merita un’esplorazione clinica completa come un potente, nuovo […] agente anti-acne”.

Eczema: Un’infiammazione della pelle, l’eczema si infiamma quando il corpo sta lavorando per abolire una sostanza estranea o un agente patogeno e fornisce un certo grado di protezione durante il processo di guarigione. Questa infiammazione fa sì che la pelle diventi pruriginosa e rossa e spesso estremamente secca, il che può portare a screpolature, sanguinamenti e potenziali infezioni.

Il ruolo del CBD: Il nostro pelle contiene recettori dei cannabinoidi. Questi sono recettori che si legano ai cannabinoidi endogeni che il tuo corpo produce e ai fitocannabinoidi che provengono dalla pianta di cannabis. Gli esperti hanno suggerito che fornire al sistema endocannabinoide cannabinoidi come il CBD potrebbe aiutare le condizioni della pelle come l’eczema, riducendo l’infiammazione e alleviando la pelle secca. Poiché i recettori dei cannabinoidi sono presenti anche nel sistema nervoso, il CBD può anche aiutare a lenire i sintomi dell’eczema come il prurito e il dolore. I cannabinoidi come il CBD hanno anche proprietà antimicrobiche, che potrebbero aiutare a prevenire infezioni secondarie.

PsoriasiLa psoriasi è una condizione auto-immune che causa la comparsa di lesioni in rilievo, rosse e squamose sulla pelle. Le cellule della pelle nelle persone con psoriasi crescono ad un ritmo anormalmente veloce, il che causa l’accumulo di macchie di psoriasi.

Il ruolo del CBD: Ci sono stati alcuni rapporti, tra cui uno di Wilkinson e Williamson nel 2007che ha trovato che i cannabinoidi hanno rallentato la crescita e la divisione delle cellule della pelle che causano le infiammazioni della psoriasi.

Epidermolisi bollosa un disturbo della pelle con vesciche che è difficile da gestire perché la fragilità della pelle e la ripetuta guarigione delle ferite causano prurito, dolore, mobilità limitata e infezioni ricorrenti.

Il ruolo del CBD: In uno studio condotto nel 2018, si è scoperto che l’uso di cannabidiolo auto-iniziato tra i pazienti con Epidermolisi Bullosa ha portato a una più rapida guarigione delle ferite, meno vesciche e alleviato il dolore.

Prodotti per la cura della pelle al CBD sul mercato

Abbiamo già conosciuto tutti i modi in cui i semi di canapa si manifestano in numerosi prodotti che usiamo nella vita quotidiana. I prodotti per la cura della pelle che contengono olio di semi di canapa sono onnipresenti e si possono trovare sotto forma di balsami, oli, creme, saponi e lozioni.

Ora diamo un’occhiata ai prodotti per la cura della pelle che sono a base di CBD. Qui sotto c’è una lista dei nostri prodotti CBD più venduti specificamente per la cura della pelle – ma sentitevi liberi di fare anche la vostra ricerca, perché la cura della pelle potrebbe aver bisogno di essere adattata al singolo consumatore.

Quindi, in nessun ordine particolare, noi amiamo

  • Siero per il viso per l’idratazione di MGC Derma – La vostra pelle vi ringrazierà quando berrà questo elisir, che è arricchito con una miscela unica di vitamina F, cellule staminali dell’uva e, naturalmente, cannabidiolo (CBD).
  • Refresh Face Cream 50ml di CUBID – Un viale perfetto per una pelle nutrita, amiamo questo prodotto perché è vegano, senza glutine, senza crudeltà e non OGM.
  • Scrub per la pelle 100ml di MGC Derma – Un arazzo di potenti ingredienti naturali che rimuovono le cellule morte e levigano le zone ruvide. Esfolia e illumina per una carnagione vibrante e senza età.
  • 500mg CBD Foot Care Cream da Ignite – I tuoi piedi sono una fonte di vergogna? Sono screpolati e secchi a causa di scarpe economiche? La crema per i piedi della Ignite riporterà la pelle dei tuoi piedi alla morbidezza della seta.

E queste sono solo alcune delle decine di prodotti per la cura della pelle a base di CBD che si possono trovare sul nostro sito web.

Fortunatamente, man mano che più studi vengono alla luce sul tema del CBD, la sua presenza sul mercato sta aumentando esponenzialmente. Come discusso, ci sono molti modi per assumere il CBD, quindi abbiamo compilato una lista delle nostre modalità di consumo preferite per usare il CBD per la cura della pelle:

  • CBD Topicals: Questo è il modo numero uno in cui ti consigliamo di usare il CBD per la cura della pelle. Il CBD può essere trovato in varie creme, balsami, oli e pomate. Quando si controllano i prodotti topici, è importante che il CBD possa essere trasportato attraverso gli strati dermici, in modo che non si limiti a stare sulla pelle. Affinché il CBD sia completamente assorbito attraverso la pelle, il prodotto dovrebbe utilizzare la nanotecnologia, l’incapsulamento o la micellizzazione del CBD. Quando viene applicato, il CBD viene assorbito per via transdermica e mira ai recettori ECS nel sistema nervoso periferico. Si noti che il CBD non raggiunge il flusso sanguigno come avviene con altre modalità di consumo.
  • Tinture di CBD: Queste simpatiche bottigliette sono dotate di una pipetta nel coperchio in modo da poterne far cadere il contenuto sulla o sotto la lingua. Molti prodotti a base di CBD si presentano sotto forma di tinture e l’assunzione in questa forma ti fornisce tra i 100-1000 mg di CBD. Somministrare il CBD per via sublinguale è estremamente efficace per consegnarlo rapidamente e direttamente nel flusso sanguigno. Questo perché ci sono ampi vasi sanguigni e capillari sotto la lingua, il che significa che il CBD può essere assorbito e trasportato lì senza deviazioni e praticamente tutta la sua potenza (in altre parole, ha un’alta biodisponibilità). Non deve subire la scomposizione digestiva, quindi i suoi effetti possono essere attivati in soli 30 minuti.
  • Capsule di CBD: Forse meno alieno delle tinture, le capsule possono essere più facili da prendere in quanto vengono consumate per via orale e possono fornire ovunque tra 10-25mg di CBD. Non è diverso dal prendere un integratore vitaminico quotidiano ed è un modo semplice per assicurarsi tutti i benefici del CBD di cui abbiamo parlato. Di solito, si prendono 1-2 capsule al giorno, ma assicuratevi di controllare le indicazioni sulla confezione. Le capsule hanno una biodisponibilità leggermente inferiore perché devono viaggiare lungo il tratto digestivo quando vengono inghiottite, il che significa che sono soggette alla degradazione enzimatica. Di conseguenza, le capsule perdono parte della loro potenza durante il percorso verso il flusso sanguigno. I loro effetti possono essere sentiti in circa 30 minuti.
alphagreen-CBD-and-Hemp-Oil

Tutti questi modi di assumere CBD hanno i loro vantaggi e svantaggi. Per la cura della pelle, i prodotti topici possono essere l’opzione migliore in quanto si rivolgono specificamente alla pelle. Per un maggiore benessere generale, che può portare benefici alla pelle come sottoprodotto, raccomandiamo capsule e tinture.

Per riassumere…

  • L’olio di semi di canapa e l’olio di CBD provengono dalla stessa pianta, la Cannabis Sativa.
  • Anche se provengono dalla stessa pianta, non sono la stessa cosa: sono due composti diversi; hanno proprietà chimiche e composizioni diverse; sono ottenuti con metodi di estrazione diversi perché provengono da parti diverse della pianta; appaiono sui prodotti con nomi diversi (anche se a volte confusamente simili), hanno effetti diversi e hanno prezzi diversi. (Pensi che abbiamo detto abbastanza volte diversi?)
  • L’olio di canapa contiene poco o niente CBD. L’olio di CBD (nessuna sorpresa qui) contiene CBD / Cannabidiolo.
  • Nessuno dei due può farti sballare perché nessuno dei due contiene abbastanza THC (il principale componente psicoattivo della cannabis) per farlo.

Conclusione:

Ora che abbiamo coperto praticamente tutto il terreno che riguarda l’olio di canapa e CBD; le loro differenze fondamentali, i loro rispettivi benefici, e i prodotti in cui si possono trovare o i modi di assumerli, è il momento di prendere le redini.

Condurre la propria ricerca è importante, poiché solo tu sai quali benefici speri di trarre dall’uso del CBD / olio di canapa per la tua pelle. Alcuni consigli uniformi che si applicano a tutti i prodotti sul mercato che affermano di contenere CBD: controlla gli ingredienti.

In generale, i rischi sono scarsi sia con la canapa che con l’olio di CBD. La preoccupazione principale è che occasionalmente i marchi possono essere disonesti e affermare di avere il CBD come ingrediente fondamentale nel loro prodotto, ma in realtà non è presente alcun CBD. Rimane un po’ di oscurità intorno alle leggi che regolano L’etichettatura e i test dei prodotti CBD. A parte questo, ci sono pochi effetti collaterali noti sia della canapa che dell’olio di CBD per il corpo – ma è meglio evitare tali prodotti durante e dopo la gravidanza o mentre si allatta.

Ancora preoccupato? Controlla con il tuo medico di famiglia se avere il loro sigillo di approvazione ti dà la pace della mente. Nel frattempo, che tu scelga i semi di canapa o il CBD.

Felice oliatura!


Anastasiia Myronenko

Verificato da un operatore sanitario

Anastasiia Myronenko

Anastasiia Myronenko è specialista in Fisica Medica ed esercita attivamente in uno dei principali centri oncologici di Kiev, Ucraina. Ha conseguito un Master in Fisica Medica presso l’Università Nazionale di Karazin Kharkiv e ha completato uno stage in Fisica Biologica al GSI Helmholtz Centre for Heavy Ion Research, in Germania. Anastasiia Myronenko è specializzata in radioterapia ed è membro della Ukrainian Association of Physical Medicine.